Servizio Civile 2016 – 2017: i Progetti

Family FYI (For Your Interest): nell’interesse delle famiglie

Concetto:
L’intento del progetto è quello di migliorare le condizioni delle famiglie residenti nei territori interessati e ridurre le loro condizioni di vulnerabilità. Queste condizioni riguardano in particolare la difficoltà di accesso ai servizi, la debolezza del capitale sociale, la loro crescente vulnerabilità economica, la difficoltà nel reperire spazi di ascolto e reti di supporto e l’aumento delle difficoltà materiali e il disorientamento dei nuclei più fragili.

Obiettivi:
– Migliorare l’accessibilità ai servizi e alle risorse dei territori delle famiglie.
– Rafforzare il capitale sociale delle comunità territoriali.
– Ridurre la vulnerabilità economica delle famiglie nei territori considerati.
– Migliorare l’accessibilità ai servizi di ascolto e prima consulenza a bassa soglia del territorio.
– Rafforzare l’assistenza nelle attività di cura dei familiari alle famiglie con componenti anziani e disabili.

 

Clessidra: il passare degli anni non si misura

Concetto:
L’intento del progetto è quello di prevenire e combattere lo stato di non autosufficienza e di solitudine, tipico della terza età, verso il quale è rivolto. I problemi affrontati, in questo senso, sono la perdita progressiva dell’autonomia, della capacità e volontà di prendersi cura del proprio benessere e l’aumento degli anziani socialmente soli col conseguente aumento del loro stato di fragilità fisica.

Obiettivi:
– Migliorare la qualità della vita degli anziani, in un ottica di prevenzione, dai punti di vista sanitario e sociale, intervenendo sullo stato di solitudine ed emarginazione socio – culturale e favorendo la solidarietà.
– Ridurre lo stato di solitudine sociale e culturale dell’anziano.

 

FAIR PLAY

Concetto:
L’intento del progetto è quello, attraverso l’organizzazione di attività aperte ai giovani, che possono trasformarsi da utenti a protagonisti del progetto stesso, di sviluppare occasioni di opportunità e aggregazione che facilitino il confronto, il dialogo e sviluppino il senso di appartenenza ad una comunità e l’esercizio attivo di democrazia partecipativa ed assunzione di responsabilità. Tutto ciò al fine di potenziare le progettualità inerenti la diffusione della cultura della legalità, prevenire l’emarginazione sociale dei giovani e contribuire alla riduzione del rischio di devianza.

Obiettivi:
– Prevenire l’emarginazione sociale dei giovani creando le occasioni per la partecipazione attiva sui temi della legalità.
– Ridurre il rischio di devianza, microcriminalità e comportamenti illegali dei giovani.
– Favorire la diffusione di forme innovative di lotta alla legalità.

 

Cittadini del domani

Concetto:
L’intento del progetto è quello di migliorare la condizione giovanile promuovendo la cultura della legalità all’interno del contesto sociale delle provincie di realizzazione del progetto, rendendo i giovani più consapevoli circa i loro diritti/doveri e più integrati e attivi nella vita pubblica, contribuendo inoltre a contrastare i fenomeni dilaganti di delinquenza e microdelinquenza giovanile nonché dell’emarginazione sociale dei giovani a rischio di esclusione.

Obiettivi:
– Creare maggiore consapevolezza tra i giovani rispetto ai temi della legalità.
– Sviluppare nei giovani il senso di cittadinanza e partecipazione sociale.
– Promuovere una cultura delle buone prassi nel campo della legalità dando maggior visibilità ai progetti e ai risultati ottenuti.

 

TUTTI A BORDO

Concetto:
L’intento del progetto è quello di prevenire e recuperare fenomeni di abbandono scolastico attraverso il miglioramento dell’approccio metodologico allo studio, l’orientamento, la rimotivazione, l’integrazione sociale e l’acquisizione di una rinnovata autostima. Inoltre si propone la promozione del benessere degli adolescenti a rischio attraverso il sostegno al ruolo genitoriale e il miglioramento delle relazioni tra gli adolescenti e le famiglie.

Obiettivi:
– Migliorare i livelli di apprendimento e ridurre gli insuccessi e i fallimenti nei ragazzi coinvolti nel progetto.
– Promuovere l’integrazione dei ragazzi stranieri.
– Migliorare le competenze socio – relazionali, l’autostima e l’autoefficacia dei destinatari del progetto.
– Sostenere la transizione tra cicli di studio.
– Coinvolgere le famiglie nel percorso scolastico dei figli e rafforzare il loro ruolo educativo.

 

Ritorno a scuola

Concetto:
L’intento del progetto è quello di colmare le lacune socio – culturali presenti nei giovani assumendo un ruolo integrativo rispetto ai servizi che offre il territorio interessato. In questo senso si propone di migliorare la qualità di apprendimento e favorire l’inclusione scolastica e l’integrazione socio – culturale degli alunni, anche stranieri e favorire le relazioni tra gli adolescenti e le agenzie educative, in particolare con le famiglie.

Obiettivi:
– Ridurre il numero di ripetenze e abbandono negli istituti secondari e di secondo grado.
– Migliorare il rendimento scolastico dei ragazzi nella fascia d’età 14 -19 anni.
– Favorire l’inserimento al primo anno di scuola secondaria di secondo grado.
– Sostenere l’aggregazione giovanile.
– Rinforzare negli adolescenti coinvolti nel progetto autostima, autoefficacia e fiducia in se stessi.
– Rafforzare il ruolo educativo delle famiglie.

 

Dammi il cinque!

Concetto:
L’intento del progetto è quello di migliorare la condizione giovanile, attraverso l’intervento sui fattori sociali e relazionali tramite il canale piacevole e aggregante dell’attività sportiva. Ciò perché l’attività sportiva nei giovani è fondamentale per la salute e il benessere fisico. Inoltre lo sport ha caratteristiche peculiari che possono renderlo educativo. In questo senso lo sport dovrebbe essere proposto come occasione di socializzazione e di divertimento, con allenamenti interessanti e didatticamente validi.

Obiettivi:
– Contrastare il fenomeno di abbandono sportivo precoce.
– Promuovere stili di vita sani e il valore dell’attività sportiva.
– Migliorare la conoscenza dei servizi e servizi volti a promuovere lo sport.

 

SI’ VIAGGIARE

Concetto:
L’intento del progetto è quello di promuovere e realizzare un’offerta qualificata di turismo sociale. Per qualificare e diffondere la cultura del turismo sociale il progetto intende aggiornare e migliorare la lettura della domanda e e offerta del turismo sociale in Italia, realizzare nuovi itinerari accessibili anche ai soggetti più svantaggiati, aprire, in località specifiche, info – point per valorizzare ancora di più il potenziale turistico del territorio.

Obiettivi:
– Contribuire a migliorare il settore del turismo sociale come strumento di sviluppo umano delle persone.
– Migliorare l’incrocio tra domanda e offerta di turismo sociale.
– Rafforzare una rete di turismo sociale.

 

Una rete di diritti

Concetto:
L’intento del progetto è quello di essere una parziale risposta alle nuove povertà che emergono dalla crisi economica degli ultimi anni. In questo senso si propone di contribuire al superamento dei problemi socio – economici dei cittadini e delle loro famiglie favorendo contemporaneamente un miglioramento delle condizioni di coesione sociale.

Obiettivi:
– Incrementare le opportunità di ascolto e orientamento dei cittadini a rischio di marginalità sociale.
– Rafforzare la coesione sul territorio tra soggetti istituzionali e privati che affrontano il problema della marginalità sociale.

 

A FIANCO DEI MIGRANTI

Concetto:
L’intento del progetto è quello di dare risposte concrete ad alcune importanti esigenze presenti fra molti cittadini immigrati, realizzando una serie di servizi di informazione, orientamento ed assistenza.

Obiettivi:
– Contribuire a facilitare l’inserimento dei cittadini stranieri nel contesto socio – economico italiano.
– Incrementare la conoscenza dei cittadini stranieri dei diritti loro riconosciuti dallo stato italiano e delle modalità per accedervi.
– Incrementare la conoscenza dei cittadini stranieri del territorio in cui vivono.

 

A Ruota Libera

Concetto:
L’intento del progetto è quello di strutturare un percorso tecnico e culturale finalizzato alla diffusione sul territorio italiano delle pratiche sportive dedicate ai disabili strutturate in modo tale da permettere l’incontro anche con ragazzi e ragazze provenienti da provincie diverse da quelle di appartenenza. In questo senso si propone di organizzare un’attività sportiva per le persone con disabilità, specialmente adulti, che preveda più fasi territoriali permettendo la mobilità territoriale dei destinatari, e il confronto con realtà e persone diverse.

Obiettivi:
– Aumentare il livello di integrazione sociale delle persone con disabilità.
– Favorire la mobilità territoriale delle persone con disabilità creando attività strutturate a carattere extraterritoriale.
– Indagare i desiderata delle persone con disabilità.
– Attivare un tavolo condiviso tra associazioni/enti/scuole/EE.LL del medesimo territorio per migliorare l’offerta sportiva dedicata ai disabili.